Canzone sanguinata

  •  
  • 289
  • 1
  • 2
  • Italian 
Sep 13, 2016 20:06
Un cuore voleva saltare un puzzo, fiducioso nella fortezza della sua sangue
e oggi si gli ascolta delirare di fame nell'oscuro fondo della sua gioia.

Il cuore si annegava in tenerezza, nel suo desiderio da vivere moltiplicato
e oggi è un cuore cosi mutilato, che ha raggiunto morire da salute mentale.

Parlo di un cuore che lotta, del suo vecchio e usato macchinario,
parlo di una nascita in un mortuario, parlo di un cuore che non capisce.

Parlo di un cuore cosi spiegazzato, cosi piccolo, cosi povero, cosi... cosa so?
Nel suo torrente quasi tutto ci sta, sia reale o immaginato.

Queste cuore mancava un orecchio, e andava distratto nella strada,
strangolando con passione una vita e incapace da sentire nessuna denuncia.
Queste cuore di maldestra primavera ha fatto che gli insirerano l'udito
e adesso ha sentito molti maledizione che è andato a ritrovare la sua sordità.

Un corazón quiso saltar un pozo
Confiado en la proeza de su sangre
Y hoy se le escucha delirar de hambre
En el oscuro fondo de su gozo

El corazón se ahogaba de ternura
De ganas de vivir multiplicado
Y hoy es un corazón tan mutilado
Que ha conseguido morir de cordura

Qué son, desangrado son, corazón

Hablo de un corazón que se defiende
De su vieja y usada maquinaria
Hablo de un parto en una funeraria
Hablo de un corazón que no comprende

Hablo de un corazón tan estrujado
Tan pequeñín, tan pobre, tan quién sabe
Que en su torrente casi todo cabe
Sea real o sea imaginado

Qué son, desangrado son, corazón

Al corazón le faltaba su oreja
Y andaba distraído por la calle
Estrangulando con pasión un talle
E incapaz de notar alguna queja

El corazón de torpe primavera
Hizo que le injertaran el oído
Y tanta maldicion oyó que ha ido
A que le den de nuevo su sordera

Qué son, desangrado son, corazón